Radio Arezzo
Radio Arezzo

 

Video Home

 

Live Streaming

On Air Caricamento...

Un grande nella Sala dei Grandi: Corona mattatore ad Arezzo Passioni Festival racconta di “Quella volta che scalai la basilica di San Francesco e arrivò la polizia”

Uno degli appuntamenti più affascinanti della storia della kermesse. Tutto esaurito nella Sala dei Grandi della Provincia di Arezzo, che ha fatto da cornice al quarto appuntamento del ciclo “Conversazioni con Andrea Scanzi”. Tante persone si sono strette tra balconata e platea per non perdere l'evento moderato dal giornalista del Fatto Quotidiano. I prossimi eventi nel 2017: 20 gennaio Marco Malvaldi, 10 febbraio Massimo Carlotto, 3 marzo Carlo Verdone Arezzo è una città bellissima: vedo antiche pietre e immagino le persone che nei secoli le hanno calpestate, toccate. Penso alle storie di queste persone passate, ai loro amori, alla memoria. Al racconto che hanno intrecciato e che riescono a trasmetterci oggi”. Mauro Corona ha incantato Arezzo per due ore, in uno degli eventi più affascinanti della storia del Passioni Festival. Ad ascoltarlo una folla rapita e divertita: “Ero già stato in questa città. Mi ero messo a scalare la basilica di San Francesco. Poi è arrivata la polizia” 

Un grande nella Sala dei Grandi: Corona mattatore ad Arezzo Passioni Festival racconta di “Quella volta che scalai la basilica di San Francesco e arrivò la polizia”

Caricato Martedì 13 Dicembre 2016 in AudioNews | 402 visualizzazioni

Leggi tutto: Un grande nella Sala dei...

Maria Elena Boschi bocciata, Renzi dimissionario, Pd diviso in direzione: il No al referendum "voto politico e sociale"

Risultato referendum 2016: No al 59,11%, Sì al 40,89%. Il No ha avuto molto successo tra i giovani, come confermato dallo studio di Quorum. Infatti, l’81% degli aventi diritto nella fascia di età 18-34 ha votato No. Il No prevale anche nella fascia 35-54 (67%), mentre tra gli over 55 domina il Sì con il 53%.  Non ci sono differenze invece per titolo di studio. Infatti, lo studio realizzato da Tecnè ci dice che il 66% dei laureati è contrario alla riforma, ma anche tra i diplomati (58%), tra chi ha la licenza media (59,5%) e la licenza elementare (58,6%) prevale il No. L’Istituto Cattaneo, invece, ha analizzato il tasso di fedeltà degli elettori nei confronti del loro Partito. Ad esempio, per quanto riguarda il Partito Democratico, al Sud si segnala circa un 40% di dissidenti, mentre nelle aree geografiche più fedeli al Nazareno solamente il 20%. Lo stesso discorso vale anche per Forza Italia, dove il tasso di infedeltà si attesta al 20% a Parma, al 36,8% a Brescia e al 44% a Firenze. Tra gli elettori del Movimento 5 Stelle, invece, ben il 90% ha votato No. Un voto "sociale", con il No che prevale tra le classi più disagiate. Territorio aretino in controtendenza: vince ovunque il Si, anche nel Comune capoluogo, ad eccezione di Castiglion Fiorentino, Badia Tedalda e Laterina, comune natìo della madrina della riforma costituzionale bocciata, Maria Elena Boschi  

Maria Elena Boschi bocciata, Renzi dimissionario, Pd diviso in direzione: il No al referendum "voto politico e sociale"

Caricato Mercoledì 07 Dicembre 2016 in AudioNews | 433 visualizzazioni

Leggi tutto: Maria Elena Boschi bocciata,...

Banca Etruria, il fatto non sussiste: assolti Fornasari, Bronchi e Canestri. Giorgianni: "Ci cuociono a fuoco lento"

"Il fatto non sussiste": è la formula usata dal gup Annamaria Loprete relativamente all'operazione di cessione di immobili, in particolare quelli della società Palazzo della Fonte, una di quelle su cui gli ispettori di Bankitalia avevano segnalato possibili criticità di rilevanza penale nel bilancio 2012; "Il fatto non costituisce reato" è invece la formula usata dal gup per il capo d'imputazione relativo ai presunti crediti deteriorati di Banca Etruria. Assolti dunque l'ex presidente di Banca Etruria Giuseppe Fornasari, l'ex dg Luca Bronchi e il direttore centrale Davide Canestri imputati per ostacolo alla Vigilanza. I pm Roberto Rossi e Julia Maggiore avevano chiesto due anni e 8 mesi per Fornasari e Bronchi e due anni per Canestri. Bankitalia, unica parte civile ammessa, aveva chiesto un risarcimento danni per 320 mila euro. Dura reazione di Letizia Giorgianni, portavoce dei risparmiatori di Banca Etruria: "Vogliono cuocerci a fuoco lento, ma noi non ci stiamo" 

Banca Etruria, il fatto non sussiste: assolti Fornasari, Bronchi e Canestri. Giorgianni: "Ci cuociono a fuoco lento"

Caricato Mercoledì 30 Novembre 2016 in AudioNews | 494 visualizzazioni

Leggi tutto: Banca Etruria, il fatto non...

Italia si, Italia no: confronto a distanza tra Vannino Chiti (ad Arezzo) e Roberto Zaccaria (a Sinalunga)

Il 4 dicembre 2016 gli italiani saranno chiamati ad esprimersi sul referendum confermativo di riforma costituzionale. Nell'acceso dibattito politico di questi giorni, valutiamo "metodo" e "merito" della riforma con due preziosi contributi: quello del Senatore Vannino Chiti, ospite al Circolo Artistico di Arezzo e del professor Roberto Zaccaria, intervenuto alla manifestazione per il No referendario organizzata a Bettolle da Anpi Sinalunga 

Italia si, Italia no: confronto a distanza tra Vannino Chiti (ad Arezzo) e Roberto Zaccaria (a Sinalunga)

Caricato Martedì 29 Novembre 2016 in AudioNews | 455 visualizzazioni

Leggi tutto: Italia si, Italia no:...

La storia di Maria scuote Cortona: “Non fate di noi donne vittime di violenza delle martiri”. Le sette premiate commuovono ed emozionano la platea con le loro storie alla 4^ edizione del Premio Internazionale Semplicemente donna

La cerimonia di premiazione della 4^ edizione del Premio Internazionale Semplicemente Donna, ha portato al Teatro Signorelli di Cortona sette grandi donne che hanno raccontato il proprio vissuto, le proprie passioni, il proprio impegno in campo sociale, politico e culturale. Le premiate nella notte di Cortona sono state: Regina Schrecker, “Premio Imprenditoria e Solidarietà per il sociale”, Jasvinder Sanghera, “Premio Diritti umani e civili”, Lise Bjorne Linnert, “Premio Arte e Cultura per il sociale”, Myrta Merlino, “Premio per l’informazione”, Emanuela Zuccalà “Premio Speciale ActionAid” e Vittoria Doretti, “Premio Prevenzione Sociale”. Tra le premiate anche Dacia Maraini. A lei è stata poi affidata la conclusione della rassegna Semplicemente Donna. All’interno dei Palazzo Casali si è svolto infatti un incontro tra gli studenti delle scuole cortonesi e la celebre scrittrice  

La storia di Maria scuote Cortona: “Non fate di noi donne vittime di violenza delle martiri”. Le sette premiate commuovono ed emozionano la platea con le loro storie alla 4^ edizione del Premio Internazionale Semplicemente donna

Caricato Lunedì 21 Novembre 2016 in AudioNews | 352 visualizzazioni

Leggi tutto: La storia di Maria scuote...

 

Meteo Arezzo

 

Video della settimana