Radio Arezzo
Radio Arezzo

 

Video Home

 

Live Streaming

On Air Caricamento...

Al Valdichiana Outlet Village inaugurata la nuova Farmacia Comunale: taglio del nastro per il terzo presidio del territorio comunale di Foiano aperto nella strategica Land of Fashion

Taglio del nastro ufficiale per la nuova Farmacia Comunale di Foiano, aperta al Valdichiana Outlet Village alla presenza del Sindaco di Foiano della Chiana Francesco Sonnati, dell’Assessore regionale a infrastrutture e trasporti Vincenzo Ceccarelli, della Vice Presidente della Giunta regionale Toscana Lucia De Robertis, del consigliere regionale e Presidente della commissione sanità Stefano Scaramelli, del responsabile di gestione Multi Massimiliano Peron e del Center Manager Riccardo Lucchetti. “È con grande soddisfazione e orgoglio che inauguriamo la nuova farmacia comunale di Foiano – ha dichiarato il Sindaco Sonnati – importante servizio per i cittadini e per la sicurezza dei visitatori e dei lavoratori, aperto dopo un complesso procedimento che consentiva di istituire una farmacia aggiuntiva anche nei centri commerciali e nelle grandi strutture di vendita, purché a distanza di 1500 metri da altre esistenti farmacie e con superficie di vendita superiore ai 10 mila metri quadrati. Per il Comune di Foiano della Chiana è un traguardo importante, che corona un impegno condiviso con il frequentatissimo Valdichiana Outlet Village”.

Leggi tutto: Al Valdichiana Outlet...

Nuove aperture food nella Land of Fashion di Foiano: Old Wild West e Doppio Gusto sbarcano al Valdichiana Outlet Village:

Prosegue la fase di rinnovamento e riposizionamento di Valdichiana Outlet Village, che passa anche attraverso l’introduzione di nuovi importanti brand: è prevista infatti da giovedì 29 marzo la nuova apertura di “Old Wild West” e “Doppio Gusto”, leader nel settore del casual dining. “Diamo il benvenuto - dichiara Riccardo Lucchetti, Center Manager della Land of Fashion di Foiano della Chiana - a questi due nuovi ristoranti, che vanno a completare e qualificare la nostra offerta food, presentandosi con proposte culinarie complementari e di assoluta eccellenza”. Per chi ama la buona carne, infatti, da “Old Wild West” è possibile assaporare i gustosi hamburger di Black Angus irlandese allevato al pascolo, i migliori tagli di carne argentina alla griglia o le stuzzicanti specialità tex-mex, in un ambiente suggestivo e originale, ispirato al vecchio far west. Selle dei cow-boy, carovane e botti di legno per una pausa dallo shopping all’insegna di gusto e divertimento. Per gli appassionati di cucina tricolore, la scelta ricade su “Doppio Gusto”, che prepara una vasta scelta di pizze, classiche oppure alte, come vuole la tradizione napoletana, lievitate a lungo e preparate con farine e altri ingredienti biologici. Per finire in dolcezza, Doppio Gusto propone i suoi ghiotti dessert genuini e sempre freschissimi, ai quali resistere è davvero impossibile. “I nuovi ristoranti si trovano al primo piano del Village – continua Lucchetti - raggiungibile ora da Piazza Maggiore attraverso la nuova e comoda scala, che rappresenta un ulteriore intervento di rinnovamento, messo a punto dalla proprietà e dalla società di gestione”.

Leggi tutto: Nuove aperture food nella...

Da giocare sulla ruota di Arezzo: 6 (come i punti di penalizzazione), 20 (del mese di aprile, data dell'asta) e 1 (milione occorrente)

Arezzo penalizzato di 6 punti in classifica, ora è penultima a quota 23 punti e sarà dura evitare i play out, ma Massimo Pavanel crede ancora nella salvezza. Alla vigilia della sfida di Piacenza contro la Pro, il trainer amaranto ha dichiarato che "È necessario fare più punti possibile tra gare da recuperare e turni ordinari di campionato". Intanto, Luciano Francario e Vincenzo Ioffredi, i due curatori fallimentari, hanno fissato i termini per l'asta che dovrebbe portare all'assegnazione dell'azienda U.S. Arezzo: subito dopo Pasqua sarà predisposto il bando, entro il 20 aprile l'apertura delle buste con le offerte, con una cifra a baste d'asta che dovrebbe avvicinarsi a 1 milione di euro 

Da giocare sulla ruota di Arezzo: 6 (come i punti di penalizzazione), 20 (del mese di aprile, data dell'asta) e 1 (milione occorrente)

Caricato Mercoledì 28 Marzo 2018 in AudioNews | 86 visualizzazioni

Da giocare sulla ruota di Arezzo: 6 (come i punti di penalizzazione), 20 (del mese di aprile, data dell'asta) e 1 (milione occorrente)

Caricato Mercoledì 28 Marzo 2018 in AudioNews | 86 visualizzazioni

 

Moda e Modi, stile e costume in Italia 1900 - 1960: ad Arezzo in mostra gli abiti della nostra storia

Dopo il successo della mostra Il Grand Tour e le Origini del 3D nel 2017, per la primavera-estate 2018, il Polo Museale della Toscana, insieme a Mosaico e Munus (società concessionarie dei servizi museali che da anni portano avanti ad Arezzo un progetto di valorizzazione della Basilica di San Francesco / Affreschi di Piero della Francesca, del Museo Archeologico “Gaio Cilnio Mecenate” e del Museo di Casa Vasari), presentano Moda e Modi. Stile e Costume in Italia 1900-1960. La Mostra, ospitata negli spazi espositivi della Basilica di San Francesco di Arezzo dal 24 marzo al 4 novembre, è curata da Mariastella Margozzi e Laura Mancioli. L’esposizione, attraverso una ricca selezione di abiti d’epoca, accessori di moda, oggetti, dipinti, disegni, acquerelli e fotografie, nel ripercorrere oltre mezzo secolo di storia del costume e della moda in Italia, racconta l’evoluzione dello stile italiano nella vita di tutti i giorni: le linee sinuose degli abiti della cosiddetta Belle Époque, quelle scivolate e audaci dell'epoca decò, la moda austera del periodo bellico, la creatività degli anni Cinquanta e l’estrosità degli anni Sessanta. Un racconto che privilegia la figura della donna, da sempre protagonista assoluta del mondo della moda, della quale si evidenzia la progressiva emancipazione sociale: l'abbandono dei corsetti e delle ampie gonne nel primo Novecento, per far posto ad un abbigliamento sempre più dinamico e moderno, fino alla rivoluzionaria minigonna. Le interviste a Stefano Casciu, direttore del Polo Museale della Toscana, Lorenzo Soave di Munus e Alessandro Ghinelli, Sindaco di Arezzo 

Moda e Modi, stile e costume in Italia 1900 - 1960: ad Arezzo in mostra gli abiti della nostra storia

Caricato Giovedì 29 Marzo 2018 in AudioNews | 118 visualizzazioni

Moda e Modi, stile e costume in Italia 1900 - 1960: ad Arezzo in mostra gli abiti della nostra storia

Caricato Giovedì 29 Marzo 2018 in AudioNews | 118 visualizzazioni

Moda e Modi, stile e costume in Italia 1900 - 1960: ad Arezzo in mostra gli abiti della nostra storia

Caricato Giovedì 29 Marzo 2018 in AudioNews | 118 visualizzazioni

Leggi tutto: Moda e Modi, stile e costume...

Altro che mimosa, le donne ad Arezzo fanno impresa: oltre un terzo delle titolari è impegnato nel manifatturiero

La Toscana è la quinta regione per numero di donne titolari di imprese artigiane. Intraprendenti, determinate e con una passione per l’artigianato e la manifattura, l’esercito di donne toscane  titolari di imprese artigiane ammonta a 15.324, il 14 per cento in più rispetto a dieci anni fa e il trend aumenta di anno in anno. Lo rivelano i dati appena pubblicati dell’Osservatorio Confartigianato Donne Impresa. Secondo i dati le donne italiane sono anche le più intraprendenti d’Europa, l’Italia conta 1.661.000 donne che svolgono attività indipendenti, un primato in Europa visto che, tra imprenditrici e lavoratrici autonome, il Regno Unito si ferma a quota 1.641.300 e la Germania ne registra 1.469.000. Le imprenditrici artigiane italiane rappresentano il 21,5 % delle donne titolari di impresa, le toscane sono invece il 25,7 %. Confartigianato rivela anche altri dati interessanti come ad esempio quello sul numero di donne con cariche nelle imprese artigiane: in Toscana sono 31.430 (il 22,5 % dei dirigenti). Per quanto riguarda il dato nazionale, in cinquantadue province su centocinque viene superata l’incidenza media delle donne con cariche nelle imprese artigiane sul totale degli imprenditori delle imprese artigiane del 20,9% e le incidenze maggiori sono quelle di Prato (28,1%) e di Fermo (25,4%), dove le donne sono oltre un quarto degli imprenditori artigiani. In sei province oltre un terzo del totale delle titolari di impresa è impegnato nel Manifatturiero, le prime due sono Prato (73,4%) e Firenze (45,0%), seguono Fermo (44,5%) e  Arezzo (36,6%). Il presidente di Confartigianato Firenze, Alessandro Vittorio Sorani  

Altro che mimosa, le donne ad Arezzo fanno impresa: oltre un terzo delle titolari è impegnato nel manifatturiero

Caricato Giovedì 08 Marzo 2018 in AudioNews | 188 visualizzazioni

 

Meteo Arezzo

 

Video della settimana